Newsletter dell'agenzia OCFS

Vai al modulo

Navigazione e informazioni accessibili

Utilizzate i seguenti link per navigare rapidamente all'interno della pagina. È possibile passare a:

Kathy Hochul, governatrice
Sheila J. Poole, commissario
Maggio 2021 - Vol. 6, n. 5
Tradurre

Messaggio del commissario

Saluti!

Maggio è il mese nazionale dell'affido. Abbiamo molto da festeggiare, con il numero di bambini che vivono in affidamento ai minimi storici e la percentuale di bambini che vivono con parenti/ affini ai massimi storici. Nel quinquennio tra il 2015 e il 2020, la percentuale di bambini in affidamento che vivono con parenti è raddoppiata, passando dal 21% del 2015 al 43% del 2020! Mi congratulo con il personale dell'OCFS, con gli operatori della contea e con i nostri partner delle agenzie di volontariato per aver lavorato insieme per raggiungere questi risultati straordinari. Mentre l'attuazione del Family First Prevention Services Act (FFPSA) continua, mentre ci avviciniamo alla scadenza federale, vale la pena di fermarsi un attimo a riflettere sui nostri reciproci risultati.

Con l'attuazione del processo di allontanamento alla cieca, prevediamo una maggiore equità nel sistema di assistenza all'infanzia e in particolare nell'affido. Immaginiamo un sistema in cui la razza dei genitori, la loro posizione socio-economica e altre variabili non vengano prese in considerazione quando si decide di allontanare un bambino dalla sua casa e di darlo in affidamento.

Sono anche molto orgoglioso del fatto che abbiamo riconosciuto l'aumento dello stress che la pandemia ha provocato in una popolazione già vulnerabile - i giovani che escono dall'affido - e abbiamo risposto consentendo loro di rientrare nell'affido o di prolungare il periodo di affido per fornire il sostegno necessario a gettare le basi per una vita adulta di successo.

Il tema del Mese della Consapevolezza sull'Affido di quest'anno, "Partnering With Families and Youth to Achieve Permanency," è molto appropriato. Ci ricorda che dobbiamo essere veri partner, ascoltare le esigenze delle famiglie affidatarie e parentali e dei nostri giovani affidati e rispondere in modi tangibili e significativi. Sono molto grata per le voci del nostro OCFS Youth Advisory Board che ci consigliano e ci informano su come possiamo servire meglio i giovani che vivono in affidamento e li ringrazio per il loro contributo non solo a questa agenzia, ma anche ai giovani in affidamento che beneficeranno della loro guida. Il loro prezioso contributo ci aiuta a definire politiche e iniziative che rispondano veramente alle esigenze dei giovani in affidamento. I loro contributi aiutano anche le famiglie affidatarie e il sistema giudiziario a imparare a soddisfare meglio le esigenze dei giovani e delle famiglie affidatarie.

Quindi, mentre celebriamo il Mese della Consapevolezza dell'Affido, teniamo questi giovani e queste famiglie speciali in primo piano nei nostri pensieri e nelle nostre energie, mentre continuiamo a fare il tifo per tagliare il traguardo del FFPSA alla fine di settembre. I miei più sinceri ringraziamenti e apprezzamenti vanno a tutti coloro che lavorano per migliorare la vita e il benessere dei nostri giovani e delle nostre famiglie affidatarie.

Cordiali saluti,
Sheila J. Poole
Commissario

Articoli

L'OCFS celebra il mese della consapevolezza dell'affido

Il Mese della Consapevolezza dell'Affido è al centro del nostro lavoro di assistenza all'infanzia presso l'OCFS ed è fondamentale per ciò che facciamo per fare una differenza positiva nelle vite di alcuni dei bambini e delle famiglie più vulnerabili di New York.

"Ogni anno, durante il Mese della Consapevolezza dell'Affido, riconosciamo i nostri attuali genitori affidatari e cerchiamo di reclutarne altri", ha dichiarato Renee Hallock, commissario associato della Division of Child Welfare and Community Services (CWCS).

Dal 2010, il numero di bambini e ragazzi in affidamento è diminuito drasticamente. Ciò riflette un continuum di lavoro da parte del settore dell'assistenza all'infanzia che comprende un aumento dei servizi di prevenzione, una maggiore rapidità delle udienze in tribunale e la riduzione del tempo in cui i bambini rimangono in affidamento lavorando con le famiglie per fornire i servizi necessari. Il numero di giovani che vivono in affidamento è sceso da oltre 25.000 nel 2010 a meno di 15.500 alla fine del 2019 - una diminuzione di quasi il 40%, con un numero molto maggiore di questi bambini che risiedono presso parenti e amici rispetto al passato.

"Siamo sempre alla ricerca di altre famiglie affidatarie e incoraggiamo tutte le famiglie interessate a contattare il dipartimento dei servizi sociali della loro contea", ha detto Renee. "Siamo molto grati ai genitori adottivi e affidatari che aprono i loro cuori e le loro case ai bambini in affidamento".

Il CWCS ha posto grande enfasi sull'aumento del numero di case famiglia, riconoscendo che prendersi cura del figlio di un parente ha alcune "sfide uniche", ha detto Hallock. "Lavoriamo a stretto contatto con le contee per cercare un parente che mantenga il bambino in contatto con la sua famiglia e migliori i risultati per il bambino".

La recente legislazione aiuta i bambini in affidamento durante la pandemia COVID-19, impedendo loro di uscire automaticamente dall'affidamento all'età di 21 anni e consentendo ad alcuni ex giovani in affidamento che hanno più di 21 anni di rientrare nell'assistenza. L'OCFS sta conducendo una campagna di sensibilizzazione per informare i giovani della possibilità di rientrare. Per ulteriori informazioni, contattare chafee@ocfs.ny.gov e cercare i messaggi sulle piattaforme dei social media dell'OCFS.

Qui di seguito trovate un toccante racconto di prima mano sull'affido e sul sistema di assistenza all'infanzia, presentato da un membro del Comitato consultivo per i giovani dell'OCFS. La ringraziamo per aver condiviso la sua storia per aiutare gli altri!

Il coraggio di connettersi

Sono entrata in affidamento prima di compiere un anno. Sono entrata e uscita dall'affidamento diverse volte prima dell'ultima volta che sono stata presa in affidamento all'età di 14 anni. All'età di 13 anni ho lasciato la casa della mia madre biologica perché l'ambiente di abusi e negligenza non era più sopportabile. Per un po' di tempo ho vissuto con un'amica, finché io e i miei fratelli non siamo stati formalmente dati in affidamento. Ho vissuto con i miei ultimi genitori adottivi fino all'età di 15 anni, quando sono stata collocata in una struttura residenziale.

Quando sono arrivata nella struttura, l'ho odiata. Ero abituata a fare quello che volevo, quando volevo, e non era più un'opzione. Inutile dire che non mi sono conformato alle loro regole; non lo ritenevo necessario. Fin dal primo giorno in cui sono arrivato lì, non ho ascoltato nessuno, anche quando si trattava di qualcosa che volevo fare. Chi pensavano che fossi è stato comunicato molto rapidamente. Sono entrata nella scuola residenziale e una delle prime cose che mi hanno detto è stata: "Ho sentito parlare di te... ti piace creare problemi", e ricordo di aver pensato tra me e me: "Non ha torto". L'idea che fossi "cattiva" mi era stata inculcata nella testa per molto tempo.

Mi assumo la responsabilità del mio comportamento negativo durante quella stagione. Oltre a questo, però, ora provo empatia per me stessa, perché la situazione in cui mi trovavo mi ha tolto potere, voce e autonomia. Stavo lottando per essere ascoltato. Stavo cercando di sopravvivere. Fortunatamente, qualcuno ha riconosciuto che potevo essere più di quello che mi era stato fatto credere di essere, prima di me, e me lo ha fatto sapere. Un giorno, un giorno come tanti altri, mi sono comportata male. Non è stato uno shock per nessuno. A quel punto, stavo contando i giorni che mancavano al compimento dei 18 anni per poter firmare l'uscita, e avevo accettato il fatto che sarei stata nei guai fino al giorno in cui sarei potuta uscire.

Ero seduto nella sala d'intervento quando uno dei membri dello staff mi ha avvicinato. Ricordando questo, riconosco che il mio corpo era pieno di paura, anticipando ciò che mi avrebbe detto: non era la persona più dolce della struttura, di gran lunga. Quel giorno, però, il suo muro è caduto e ha comunicato la sua vulnerabilità con me prendendosi il tempo di vedermi davvero. Mi ha fornito le parole che mi hanno aiutato a iniziare a vedere ciò che i miei comportamenti stavano realmente cercando di comunicare. Si è messa all'altezza degli occhi, ha incoraggiato il contatto visivo, cosa che le persone fanno raramente con me, e ha indicato il muro: questa era la nostra conversazione:

Insegnante: "Vedi quel muro?".

Io: "E?"

Insegnante: "Vedi la crepa nel muro?".

Io: "Sì".

Insegnante: "Beh, questo è quanto è successo nella tua vita. Dovete trasformare la vostra vita in ciò che volete che sia. Smetti di lasciare che gli altri ti controllino".

Ecco... quella conversazione di cinque righe ha cambiato molto del mio comportamento e della mia traiettoria di vita. In quel momento ho capito che potevo rimanere sulla mia strada attuale, arrabbiata e schiava del controllo che gli altri esercitavano su di me, oppure potevo scegliere di prendere possesso della mia vita e scrivere una nuova storia, alle mie condizioni.

Poco dopo mi sono iscritta all'università e quattro anni dopo ho conseguito una laurea in Psicologia, Educazione e Letteratura per sostenere i giovani colpiti da trauma. Ora lavoro in una classe di educazione speciale con bambini che hanno subito molti traumi e avversità. Durante il periodo in cui ho ricoperto questo ruolo, ho imparato così tante cose che non riesco nemmeno a spiegare, una delle quali è la più importante: in questo mondo accadono cose difficili e, sebbene possano essere scomode da sentire, dare agli studenti l'opportunità di essere ascoltati può essere complicato, ma ne vale la pena. L'affido ha comportato alcuni momenti difficili, ma alla fine mi ha trasformato nella persona compassionevole, attenta ed empatica che sono oggi. Incontro i miei studenti con lo stesso cuore con cui sono stata accolta nella struttura residenziale. Quella conversazione di grande impatto continua a riecheggiare nella mia mente; non solo la conversazione, ma anche il modo in cui mi ha fatto sentire. Lo ricordo ogni volta che incontro uno studente in difficoltà.

L'OCFS ha celebrato il mese della prevenzione degli abusi sui minori in aprile

L'OCFS ha celebrato il mese di aprile come Mese della Prevenzione dell'Abuso sui Bambini in molti modi: vestendosi di blu, piantando girandole e illuminando di blu i punti di riferimento dello Stato, dall'Empire State Building alle Cascate del Niagara. L'OCFS ha anche ospitato un webinar virtuale, "Fattori protettivi: Strategie comprovate per ridurre gli abusi sui minori".

Il commissario Sheila J. Poole ha presentato l'evento, che è stato ospitato dal direttore esecutivo di Prevent Child Abuse New York Tim Hathaway. Il discorso principale è stato tenuto dalla dott.ssa Melissa Merrick, presidente e CEO di Prevent Child Abuse America, che ha parlato dei fattori protettivi fondamentali per prevenire l'abbandono e il maltrattamento dei bambini, tra cui la resilienza dei genitori, i legami sociali e la conoscenza della genitorialità e dello sviluppo infantile.

L'evento ha anche messo in evidenza il grande lavoro svolto in tutto lo Stato, con il Teen Age Parent Support Services di Rochester, che ha collaborato con una confraternita universitaria locale per raccogliere articoli essenziali per i neonati e ha donato 22 borse per pannolini piene di materiale.

Più di 200 persone provenienti da tutta l'OCFS si sono sintonizzate per l'evento in diretta.

Se desiderate maggiori informazioni, i seguenti link contengono risorse utili per la prevenzione degli abusi sui minori a sostegno delle famiglie:

La Federazione Unitaria degli Insegnanti premia il dipendente della Divisione Servizi di Assistenza all'Infanzia dell'OCFS per l'eccezionale sostegno ai bambini, alle famiglie e agli operatori.

La United Federation of Teachers (UFT) ha recentemente sorpreso e premiato Karen Rawlings, a sinistra, della Division of Child Care Services (DCCS) dell'OCFS con il premio di partenariato UFT e riconoscerà lei e la DCCS in occasione della celebrazione virtuale di apprezzamento dei fornitori UFT del 2021, che si terrà a maggio e che avrà come tema "Perseveranza attraverso tempi senza precedenti". Karen e il DCCS sono stati premiati per il loro sostegno ai fornitori di servizi di assistenza all'infanzia, ai bambini e alle famiglie.

Da oltre 30 anni, l'UFT riconosce gli educatori, i partner educativi e le organizzazioni per il loro eccezionale lavoro nel fornire ai membri il supporto e le competenze necessarie per preparare i bambini al successo scolastico e alla vita.

"Karen è semplicemente fantastica", ha dichiarato Janice Molnar, vice commissario del DCCS. "È professionale e scrupolosa e ha continuato a mantenere un atteggiamento positivo in questo periodo molto difficile per la pandemia. Ha un sacco di cose da fare e le gestisce tutte con un sorriso".

Karen ha iniziato la sua carriera nell'OCFS nel 2003 come consulente per le strutture giovanili nell'ufficio di Brooklyn dove ha supervisionato i giovani condannati dal tribunale, attuando piani di servizio per ridurre la delinquenza. Nel 2014 è entrata a far parte del DCCS presso l'Ufficio regionale di New York City (NYCRO), dove si è occupata della supervisione normativa e dell'assistenza tecnica al New York City Department of Health and Mental Hygiene. Facilitando i casi di applicazione della legge per i programmi di assistenza all'infanzia nella città di New York, Karen ha lavorato a stretto contatto con il Bureau of Day Care Enforcement e con gli uffici dei distretti.

Nel 2019 è stata promossa a supervisore dell'applicazione e ora supervisiona il personale del NYCRO e continua a fare da collegamento per l'OCFS con molte parti interessate. In assenza di un direttore regionale, Karen ha svolto un ruolo fondamentale nella continuità delle operazioni quotidiane dell'ufficio regionale.

Congratulazioni al DCCS e a Karen!

La Giornata dell'apprezzamento dei fornitori festeggia un anniversario d'argento

Il 7 maggio ricorre il 25° anniversario della Giornata dell'apprezzamento del fornitore, un modo per ringraziare i fornitori di servizi di assistenza all'infanzia, gli insegnanti, il personale dei programmi per l'età scolare, i direttori e il personale dei centri per l'infanzia e tutti coloro che lavorano con i bambini e sono responsabili della loro educazione e cura.

L'OCFS riconosce e valorizza il lavoro dei fornitori di servizi per l'infanzia ogni giorno. Unitevi all'OCFS nel ringraziare i fornitori di servizi per l'infanzia e gli educatori di New York per il loro duro lavoro e il loro impegno nei confronti dell'investimento più prezioso dello Stato di New York: i nostri bambini.

Il vice commissario della Divisione per lo sviluppo dei giovani e i partenariati per il successo modera il panel dei giovani

È indubbio che la pandemia COVID-19 sia stata difficile per gli adolescenti, proprio come per gli adulti. Alla conferenza annuale dell'Associazione di New York dei professionisti della formazione e dell'occupazione per gli operatori del settore giovanile, il laboratorio di apprendimento digitale di quest'anno comprendeva una tavola rotonda moderata dalla dott.ssa Nina Aledort, a sinistra, vice commissario della divisione Sviluppo giovanile e partenariati per il successo dell'OCFS. Il panel, intitolato "Uscire dal buio: i giovani alle prese con l'abuso di sostanze, i problemi di salute mentale e il loro impatto sulle famiglie", comprendeva personale del Champlain Valley Family Center e della Mental Health Association of New York.

Gran parte del dialogo con gli oltre 65 partecipanti si è incentrato su come creare lo spazio giusto per i giovani che lottano contro la salute mentale e la dipendenza o l'uso di sostanze per entrare in contatto e ottenere il sostegno di cui hanno bisogno. Le conversazioni hanno riguardato l'importanza di ambienti curativi, la cura di sé per il personale e il modo in cui sostenere le famiglie dei giovani in difficoltà.

Considerata l'esperienza della pandemia COVID e le ulteriori pressioni dovute all'isolamento, all'incertezza, all'ansia e alle difficoltà economiche, i partecipanti hanno accolto con favore la sessione.

"Imparare i segni. Agisci in anticipo".
Il Consiglio per l'infanzia e la famiglia ospita il webinar Head Start

Durante il COVID-19, è stata creata una collaborazione a livello statale, che comprende l'OCFS e l'Head Start, per promuovere il sito del CDC "Learn the Signs. Agisci presto". (LTSAE) per aiutare genitori e fornitori a conoscere i segnali di uno sviluppo sano del bambino. Questi materiali sono consigliati dall'Accademia Americana di Pediatria per

  • aiutare a identificare i bambini che potrebbero aver bisogno di ulteriori supporti,
  • aiutare gli operatori a integrare la sorveglianza dello sviluppo nelle loro pratiche e
  • consentire alle famiglie di comprendere meglio la salute dello sviluppo e la conoscenza dei supporti e delle risorse locali.

Il New York State Head Start e il New York State Council on Children and Families (CCF) organizzano il webinar "Learn the Signs. Agire tempestivamente" il 6 maggio alle 11.00 per i programmi Head Start e Early Head Start e altri operatori della prima infanzia. Fornirà una guida e risorse gratuite per i genitori su come discutere i problemi dello sviluppo e aiuterà i genitori che lavorano a diventare migliori osservatori dello sviluppo del loro bambino e li incoraggerà ad agire sulle preoccupazioni.

Il finanziamento di questa iniziativa, da parte dell'Associazione dei Centri Universitari per le Disabilità, termina nel settembre 2021, ma CCF spera di estendere ed espandere il programma con il sostegno del progetto federale "Early Childhood Comprehensive Systems: Health Integration Prenatal to Three Project" per rafforzare ulteriormente l'accesso alle cure incentrato sulla famiglia, formando gli operatori sanitari e incoraggiando l'uso e la diffusione dei materiali LTSAE.

Domande sul webinar? Contattare la coordinatrice del progetto di CCF, Ciearra Norwood, all'indirizzo ciearra.norwood@ccf.ny.gov.

I progetti di aprile del Columbia Girls Secure Center aiutano la comunità e la Terra

Per celebrare il mese di aprile come mese della prevenzione degli abusi sui minori, i residenti del Columbia Girls Secure Center hanno fatto qualcosa in più per aiutare a prevenire abusi e negligenze nella comunità.

Il 20 aprile, il personale e i residenti si sono vestiti di blu per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla prevenzione degli abusi sui minori. Hanno anche partecipato a una camminata in cui il personale si è impegnato a fare donazioni in base al numero di giri completati, e tutti i proventi sono stati devoluti alla New York State Children's Alliance.

Nelle classi professionali, gli studenti hanno piantato i loro orti annuali e hanno piantato un albero nel campus in onore di Kate Sessions, una pioniera nota soprattutto per aver piantato alberi per creare un grande parco nella città di San Diego all'inizio del 1900.

Sul fronte accademico, i residenti hanno celebrato il "Mese nazionale della poesia", che è stato un tema trasversale a tutte le classi accademiche. I residenti hanno scritto anche poesie. Per collegare il mondo professionale con quello accademico, gli studenti hanno esplorato il tema "Nutrire contro l'abbandono", dove la cura del giardino è stata una metafora della cura di se stessi e dei propri cari.

Il sole sorge ogni mattina

Il sole sorge ogni mattina, ma non tutti i giorni splende. Mi sveglio e mi dico ogni giorno: oggi è un nuovo giorno, ma a volte rimango bloccato nello specchietto retrovisore. Solo io posso dare una svolta alla mia giornata, solo io, nessun altro può darla se non io. Così, ogni giorno il sole splenderà, ma solo se deciderò di lasciarlo splendere. Ogni giorno è solo quello che faccio io. La scelta è mia!

Aprile è stato anche il mese della consapevolezza dell'autismo e diversi studenti hanno esplorato le varie organizzazioni che assistono le persone affette da autismo e le loro famiglie e come la società possa diventare più inclusiva.

Indossate il vostro abbigliamento universitario preferito il 3 maggio per il Mese della Firma dei College e inviate le vostre foto

Celebrato in primavera, il College Signing Month NY celebra gli studenti dell'ultimo anno delle scuole superiori che hanno deciso quale università frequentare in autunno.

Quest'anno, la Divisione Sviluppo Giovanile e Partenariati per il Successo dell'OCFS incoraggia tutto il personale dell'OCFS a sfoggiare, il 3 maggio, l'abbigliamento e i gadget della propria alma mater (cappelli, magliette, striscioni, ecc.) in onore di questo giorno speciale, per dimostrare il sostegno ai giovani in cura che potrebbero avere aspirazioni universitarie.

Si prega di prendere in considerazione l'idea di scattare alcune foto di gruppo all'aperto e socialmente distanti per festeggiare e inviarle a john.craig@ocfs.ny.gov per la pubblicazione sull'intranet OCFS.

L'OCFS diventa ancora più verde

Il 1° gennaio 2020 è stato approvato il Climate Leadership and Community Protection Act (CLCPA) dello Stato di New York, che richiede alle agenzie statali di creare un piano di attuazione per ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 40% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030, dell'85% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2050 e un obiettivo di riduzione del 100% entro il 2050.

GreenNY è un consorzio di quattro enti di gestione riuniti per aiutare le agenzie statali a perseguire gli obiettivi principali del CLCPA, tra cui la New York State Energy Research and Development Authority (NYSERDA), la New York Power Authority (NYPA), il Department of Environmental Conservation (DEC) e l'Office of General Services.

L'OCFS sta attualmente sviluppando un piano generale per soddisfare il mandato del dicembre 2021. Il team di pianificazione, composto da personale chiave dell'OCFS e che si espanderà man mano che saranno necessarie altre competenze, sta facendo passi significativi nel definire il quadro del piano del Progetto Pipeline dell'OCFS. Il team si è concentrato su

  • trasmissione dei dati sull'uso dell'energia utilizzando FREE, un'applicazione software proprietaria che l'OCFS ha sviluppato per tenere traccia di diverse voci relative all'energia in tutta l'agenzia,
  • stazioni di ricarica elettrica per veicoli elettrici e ibridi presso i siti OCFS e le strutture della Division of Juvenile Justice and Opportunities for Youth (DJJOY),
  • ricerca di flussi di finanziamento/finanziamenti e
  • sviluppare la pipeline di progetti OCFS, che comprende quanto segue:
    • Ridimensionamento delle strutture per contribuire alla riduzione del consumo energetico
    • Miglioramento delle strutture di DJJOY, compresi i controlli elettronici per migliorare l'efficienza dei sistemi di riscaldamento e raffreddamento degli edifici.
    • Promuovere le fonti di energia rinnovabili per ridurre il consumo di combustibili fossili
    • Utilizzo dell'illuminazione a LED nelle strutture
    • Ristrutturazione dei bagni, compresa l'installazione di impianti ed elettrodomestici a risparmio idrico ed energetico.

"Sia la New York Power Authority che il suo programma New York Energy Manager hanno notato che l'OCFS sta rispondendo in anticipo rispetto ad altre agenzie statali nello sviluppo del nostro piano", ha dichiarato Raymond M. Farina, direttore della pianificazione e dello sviluppo delle strutture dell'OCFS e membro del team di pianificazione.

Sicurezza chimica sul posto di lavoro e a casa

Sapevate che anche semplici prodotti di consumo contenenti sostanze chimiche non utilizzate come previsto possono compromettere la sicurezza vostra e della vostra famiglia?

Per mantenere un luogo di lavoro sicuro, l'Ufficio dei servizi di gestione e l'Ufficio per la sicurezza e la salute si occupano dell'approvvigionamento e della gestione di tutti i materiali tossici e pericolosi utilizzati in tutti gli uffici, compresi i toner per fotocopiatrici, i detergenti, i disinfettanti, i prodotti industriali e i prodotti di consumo confezionati come Windex, salviette Clorox, spray Lysol, ecc.

L'OCFS segue gli standard OSHA Hazard Communication, NYS State Right to Know e OGS per il controllo delle sostanze chimiche sia per gli edifici di proprietà dello Stato che per quelli in affitto. Come promemoria per la sicurezza di tutti, l'OCFS vieta ai dipendenti di portare sul posto di lavoro materiali tossici o potenzialmente pericolosi, compresi i prodotti domestici confezionati in qualsiasi forma (spray, liquidi, solidi).

Se avete domande sulle pratiche di controllo delle sostanze chimiche dell'OCFS, sulla comunicazione dei rischi OSHA o sul diritto di sapere dello Stato di NYS, contattate John Greening, direttore della sicurezza e della salute dell'OCFS, all'indirizzo john.greening@ocfs.ny.gov, o Irena Glogowski, dell'Ufficio dei servizi di gestione, all'indirizzo Irena.glogowski@ocfs.ny.gov.

Lavorare da casa in modo sicuro: uno sguardo all'ergonomia

La pandemia di coronavirus ha cambiato dove e come molti di noi lavorano. Mentre molti dipendenti tornano in ufficio, alcuni lavorano da casa. Di seguito sono riportati alcuni consigli ergonomici offerti dai sindacati statali.

In un ufficio o in una postazione di lavoro fissa, può essere più facile avere un'impostazione ergonomica adeguata alla scrivania, rispetto al lavoro da casa o a una postazione remota alternativa. Ma ci sono soluzioni, come questi rapidi consigli per migliorare la vostra postazione di lavoro a casa:

  • Lavorare da un tavolo o da una scrivania. Lavorare da un divano può essere una tentazione, ma è importante lavorare da una superficie che permetta di costruire una postazione di lavoro ergonomicamente corretta. Può trattarsi di un tavolo da pranzo, di una scrivania personale o di un tavolo di media altezza.
  • Utilizzate una sedia di sostegno. Se avete a disposizione una sedia da ufficio regolabile, approfittatene e usatela. In caso contrario, cercate una sedia con lo schienale pieno e il bordo anteriore arrotondato o morbido. Si consiglia di sedersi completamente all'indietro sulla sedia, per sostenere completamente la schiena. Le cosce devono poggiare sulla sedia in modo uniforme dall'anca al ginocchio, con i piedi appoggiati a terra. Assicuratevi che la parte posteriore delle ginocchia non sfreghi su un bordo anteriore duro. È possibile utilizzare cuscini o asciugamani arrotolati come supporto lombare, cuscino o schienale.
  • Lavorare da un computer portatile. I computer portatili sono stati creati per essere portatili. È molto comodo poter ripiegare il computer e portarlo con sé. Tuttavia, molti lavoratori li utilizzano come postazione di lavoro principale mentre lavorano in remoto. I computer portatili tendono ad essere meno regolabili e ad avere superfici di lavoro più piccole rispetto alle postazioni fisse.
    Se possibile, utilizzate il portatile come monitor e sollevatelo con un supporto, una scatola, un libro o un raccoglitore per portare la parte superiore dello schermo in parallelo con la vostra vista. Per completare la postazione di lavoro, utilizzare una tastiera e un mouse esterni (come in figura).

Tratto da: PEF, Ergonomia: Il lavoro da casa
HealthandSafety@pef.org