Newsletter sui servizi per adulti

Vai al modulo

Navigazione e informazioni accessibili

Utilizzate i seguenti link per navigare rapidamente all'interno della pagina. È possibile passare a:

Kathy Hochul, governatrice
Sheila J. Poole, commissario
Marzo 2015 - Vol. 2, n. 2
Tradurre

Un messaggio dell'Ufficio esecutivo

Cari colleghi,

Nella mia prima comunicazione a voi, sono lieto di comunicarvi che ora esiste un numero verde specifico per i servizi agli adulti (844) 697-3505 al quale risponderà il personale del call center dei servizi umani dell'OCFS. Il numero sarà attivo dalle 8:30 alle 17:00, dal lunedì al venerdì (esclusi i giorni festivi).

Il personale del call center risponderà alle domande di base sui programmi APS e Case famiglia per adulti e fornirà i numeri di contatto dei distretti locali. Per i distretti che hanno creato una casella di posta condivisa, il personale del Call Center invierà i messaggi direttamente a voi.

L'utilizzo del Call Center dei Servizi Umani per le chiamate ai Servizi per Adulti favorisce il progetto di Call Center consolidato per fornire ai chiamanti un servizio clienti coerente, accurato e di alta qualità. L'OCFS è stato scelto come agenzia di riferimento e ha creato il Call Center dei Servizi Umani, che risponde alle chiamate di 11 agenzie statali e ora include i Servizi per Adulti per i distretti locali.

Questo utile servizio aiuterà sia il personale dei servizi per adulti statali e locali che i nostri clienti.

Grazie a tutti voi per il lavoro che svolgete a favore degli adulti vulnerabili del nostro Stato.

Cordiali saluti,
Roberto Velez
Commissario ad interim

Articoli

Dal Direttore Che importanza ha APS nella vita di un cliente?

Di Alan Lawitz, Direttore dell'Ufficio Servizi per Adulti

Due brevi vignette inviate di recente da supervisori locali di APS illustrano in modo vivido quanto il lavoro del personale di APS possa essere importante per la vita degli adulti vulnerabili con cui lavorano ogni giorno:

Da Pat Hand, Supervisore APS della Contea di St. Lawrence:
"A una delle mie assistenti (Andrea Hayden) è stata assegnata qualche settimana fa una segnalazione che riguardava una donna di 86 anni che viveva da sola, non aveva famiglia e chiamava ogni giorno la sua farmacia per le sue prescrizioni. Uno dei problemi della farmacia era che la cliente non veniva visitata dal suo medico da anni e il medico si rifiutava di rinnovare le prescrizioni finché non fosse stata visitata.

Andrea ha visitato la cliente e l'ha convinta a rivolgersi al medico, fissando per lei un appuntamento. Andrea ha provato a chiamare la cliente per ricordarglielo, ma non ha ottenuto risposta. Il vicino del cliente che assiste era fuori città. Andrea si è recato a casa ma non è riuscito a entrare. I vicini non vedevano la cliente da giorni e si sono sorpresi che non rispondesse al telefono, visto che raramente va da qualche parte.

Andrea si è recata al dipartimento di polizia locale e li ha convinti a tornare a casa del cliente. La cliente è stata trovata sul pavimento dove era rimasta per oltre 24 ore con una possibile frattura dell'anca. Sono stati chiamati i soccorsi e il cliente è stato mandato in ospedale".

Grazie alla conoscenza della situazione del cliente, ai suoi sforzi per rimanere in contatto con lui e alla sua diligenza, Andrea è riuscita a collaborare con la polizia per intervenire e salvare il suo cliente da una situazione disperata. Questo è ciò che fa l'APS.

Sue Bacon, supervisore dell'APS della contea di Wayne, ha inviato quanto segue da Nola Colatarci, assistente sociale senior:

"Lavoro con il DSS della contea di Wayne da quasi 30 anni. Sono stato un assistente sociale senior per circa 25 di questi anni. Qualche anno fa, ho fatto visita a un cliente di 74 anni che dall'età di nove anni era costretto su una sedia a rotelle a causa della poliomielite. Avevamo un rapporto meraviglioso tra assistente e cliente e lei mi chiamava sempre il suo "angelo".

Mentre era seduta al tavolo della sua sala da pranzo per ricevere assistenza con le pratiche, la mia cliente mi ha chiesto se pensavo che gli angeli sapessero di essere angeli. Ho risposto che la sua domanda era affascinante, ma che non ci avevo mai pensato. Mentre ero di nuovo assorto nelle pratiche da sbrigare, all'inizio quasi mi sfuggiva, ma la sentii dire dolcemente: "Credo che non lo facciano". È stata la cosa più bella che qualcuno abbia mai detto e non l'ho mai dimenticata.

Non sottovalutate mai il significato che l'assistenza agli altri può avere per loro. I piccoli gesti che compiamo nella nostra carriera possono significare molto per qualcuno. Forse tutti i lavoratori di APS sono 'angeli' e noi non lo sappiamo!".

Grazie per questa storia. Questo dimostra l'enorme impatto positivo che un assistente sociale può avere. Anche se gli operatori di APS non se lo sentono dire così spesso come dovrebbero, è assolutamente fantastico quando i clienti e le persone importanti nella loro vita esprimono il loro apprezzamento per il buon lavoro svolto da APS. In questo numero troverete molte altre storie provenienti da tutto lo Stato su come gli operatori del caso APS aiutano i loro clienti.

State bene.

Alan

2014 Istituto di formazione sugli abusi sugli adulti (AATI)

I partecipanti all'Adult Abuse Training Institute (AATI) riferiscono che la qualità delle presentazioni è stata eccellente e che ci sono state numerose opportunità per fare rete e discutere delle migliori pratiche. Tra i relatori dell'AATI c'erano anche rappresentanti di istituzioni finanziarie, forze dell'ordine, della Securities and Exchange Commission e dell'Ispettore Postale degli Stati Uniti, oltre a numerosi operatori dei servizi locali di protezione degli adulti e degli uffici per gli anziani.

L'OCFS ha presentato i risultati preliminari dello studio sui costi dello sfruttamento finanziario nello Stato di New York. Inoltre, l'AATI ha incluso diverse sessioni plenarie e workshop relativi ai temi della conferenza: Riconoscere e rispondere allo sfruttamento finanziario e Promuovere una risposta multidisciplinare alla protezione degli adulti vulnerabili. L'oratore principale Nora David Eisenhower, vicedirettore dell'Ufficio federale per la protezione finanziaria degli anziani (Consumer Financial Protection Bureau), ha parlato del ruolo del governo federale nel prevenire e affrontare lo sfruttamento finanziario degli anziani vulnerabili.

 

(In senso orario da sinistra: L'ex commissario ad interim dell'OCFS Sheila Poole dà il benvenuto ai presenti; Yufan Huang, ricercatore dell'OCFS, presenta lo studio NYS Cost of Financial Exploitation; rappresentanti delle cooperative di credito e il direttore dell'OCFS Bureau of Adult Services Alan Lawitz in un workshop; Allison Campbell di Lifespan e Robin Roberts del NYC Elder Abuse Center presentano un team multidisciplinare potenziato; Il discorso di apertura è tenuto da Nora David Eisenhower (Consumer Financial Protection Bureau).

I bisogni di un centenario soddisfatti dall'APS della contea di Onondaga

A cura del supervisore Thomas Burgess e dell'assistente Roberta Dallas
Servizi di protezione degli adulti, Dipartimento dei servizi per gli adulti e l'assistenza a lungo termine della contea di Onondaga

Negli ultimi sei anni, un vivace centenario della contea di Onondaga è stato ben assistito da diversi operatori dell'APS. Rimasta orfana alla fine dell'adolescenza, questa donna determinata si è assunta il ruolo di genitore e fornitore dei due fratelli minori e ha abbandonato l'università per lavorare. Divenne l'unica donna promossa a un ruolo di supervisione in un grande stabilimento di munizioni di Syracuse durante la Seconda Guerra Mondiale. Per decenni, questa donna forte e autosufficiente ha vissuto da sola nella sua residenza unifamiliare. A metà degli anni Novanta, però, ha finalmente accettato l'assistenza degli assistenti per leggere la posta e pagare le bollette, a causa della sua vista limitata e dei suoi deficit uditivi. Incapace di guidare e riluttante a pagare per ulteriori servizi, questo cliente ha accettato anche un assistente agli anziani finanziato dalla contea per aiutarlo a fare la spesa e a recarsi in visita sociale.

Purtroppo, questa donna ha subito numerosi ricoveri nell'ultimo anno. A causa della sua fragilità fisica, la necessità di gestire quotidianamente i farmaci e di sorvegliare la sicurezza richiedeva un livello di assistenza più elevato. Con molta pazienza, l'attuale assistente sociale ha cercato di convincerla che le risorse finanziarie dovevano essere utilizzate per garantire le cure di cui aveva bisogno. Riluttante a rinunciare alla propria indipendenza, la donna sosteneva di poter continuare a soddisfare i propri bisogni come aveva sempre fatto. La tutela è stata richiesta per garantire l'acquisto di un'assistenza domiciliare 24 ore su 24 che fornisse alla cliente le cure necessarie per mantenerla al sicuro nel comfort della propria casa. In seguito a un procedimento giudiziario, la Contea di Onondaga è diventata tutore con il potere di pagare le bollette di questo cliente, un livello di tutela modesto che riconosce il diritto del cliente all'autodeterminazione nella scelta di dove vivere e di chi deve fornire le cure. Come risultato diretto dei servizi di assistenza domiciliare forniti, questo cliente non ha avuto bisogno di un successivo ricovero. Il suo medico di base, che l'ha curata per decenni, le ha consegnato un referto eccellente dopo una recente visita.

Il giudice che presiede la causa, il cancelliere del tribunale, l'avvocato dei servizi legali per l'igiene mentale della cliente, un membro della famiglia sopravvissuto (il fratello minore, ora novantenne), l'attuale assistente domiciliare e l'attuale assistente sociale dell'APS si sono recentemente riuniti in un ristorante locale per un pranzo per festeggiare il 101° compleanno di questa donna straordinaria. Lo sforzo collaborativo e cooperativo di vari fornitori di servizi per soddisfare le esigenze degli anziani vulnerabili nella Contea di Onondaga è evidente nell'esito di questo caso. Con l'incoraggiamento e il sostegno dei suoi assistenti, questa cliente risiede ora in sicurezza nella propria casa. Quest'estate ha riscoperto la gioia del giardinaggio, dato che ora ha assistenza all'aperto. Dopo anni di incuria, il suo prato è di nuovo tagliato e ben curato. Sfoggia persino un aspetto "giovanile" e un'abbronzatura che smentisce i suoi anni, come risultato dei suoi nuovi lavori nel cortile della casa che ama.

(Nota dell'editore: grazie, Tom e Roberta! Questo è un ottimo esempio dell'uso di un buon lavoro sul caso e di una tutela personalizzata per consentire a una cliente di rimanere a casa e di mantenere la propria autonomia nella misura in cui ciò è possibile).

L'assistente sociale della contea di Washington migliora la vita del suo cliente

Di Jodie Smith, Supervisore dei servizi di protezione degli adulti, DSS della contea di Washington

Un assistente sociale stava visitando un cliente quando ha osservato un membro della famiglia, "Sarah" (non è il suo vero nome), che appariva piuttosto magro e indossava abiti macchiati. La nipote di Sarah ha raccontato all'assistente sociale che Sarah era caduta e si era rotta un braccio, ma non l'aveva rivelato alla famiglia fino a una settimana dopo, quando il braccio era molto gonfio e contuso. La nipote ha mandato Sarah al pronto soccorso, ma Sarah è stata rimandata a casa la sera stessa con l'indicazione di tornare in ospedale il giorno successivo per ulteriori osservazioni e cure. Passarono tre settimane senza che la nipote o altri aiutassero Sarah a tornare. L'assistente sociale ha organizzato una visita medica e il trasporto, ma la nipote non ha ancora portato Sarah a sottoporsi alle cure mediche necessarie. Invece, l'assistente sociale ha portato Sarah. Quando il medico la visitò, pesava solo 78 chili per un metro e mezzo di altezza. Sarah ha raccontato al medico che in casa c'era pochissimo cibo e che la nipote e gli altri familiari limitavano ciò che le era consentito mangiare.

È stato dopo che l'assistente sociale ha portato Sarah a un'altra visita medica e Sarah ha sentito di potersi fidare dell'assistente sociale, che le ha rivelato che il fidanzato della nipote l'aveva effettivamente spinta a terra e le aveva causato la rottura del braccio. Sarah ha raccontato all'assistente sociale che la nipote le aveva detto di mentire per evitare che il fidanzato finisse nei guai. Sarah ha poi rivelato che la nipote e il suo fidanzato spesso la sgridano e la spingono. Sarah ha ammesso di aver avuto paura di dirlo a qualcuno e di aver temuto di tornare a casa sua. L'assistente sociale le ha assicurato che l'avrebbe aiutata e che Sarah non doveva tornare a casa se non voleva.

Sarah ha anche rivelato che la sua famiglia si prendeva quasi tutti gli assegni della previdenza sociale e dell'SSI ogni mese, lasciandole solo circa 25 dollari al mese. Sarah è stata vittima di sfruttamento finanziario, oltre che di abusi fisici, emotivi e di negligenza.

Nel corso del mese successivo, Sarah fu sistemata in un motel dal distretto e le fu assegnato un medico di base. L'assistente sociale l'ha portata a visitare diversi altri specialisti: un oculista (per un intervento chirurgico per la cataratta), un podologo (per tagliare le unghie dei piedi molto lunghe e dolorose) e un audiologo (per ottenere un nuovo apparecchio acustico). L'appetito è tornato e ha preso più di otto chili nell'arco di un mese.

È stata fatta una segnalazione alle forze dell'ordine, ma a causa dei limiti di Sarah è stato difficile ottenere una dichiarazione accurata da lei. Era la sua parola contro quella degli altri e alla fine non è stato effettuato alcun arresto.

L'APS è riuscita a garantire a Sarah un posto letto in una casa di riposo, dove non sarà più trascurata, maltrattata e sfruttata finanziariamente e dove riceverà le cure di cui ha bisogno.

Questo è un caso in cui l'assistente sociale ha trascorso molte ore con la cliente, aiutandola a soddisfare le sue esigenze e a tenerla al sicuro. Sarah è una donna molto dolce che apprezza molto tutto ciò che il suo assistente sociale ha fatto per lei. Il suo assistente sociale ha fatto una differenza molto positiva nella vita di Sarah.
 

Il personale dell'APS della contea di Schoharie è stato elogiato dalla Corte per la sua compassione e dedizione

Di Paul Brady, Commissario del DSS della Contea di Schoharie

L'Unità di protezione degli adulti del Dipartimento dei servizi sociali della contea di Schoharie ha recentemente ricevuto un certificato di riconoscimento per l'eccellenza nel fornire servizi di protezione per conto di un padre anziano e di suo figlio adulto.

Il padre e il figlio erano noti alla nostra agenzia da molto tempo. Entrambi hanno esigenze mediche e sociali complesse. Fin dall'inizio, il personale dell'ufficio ha gestito le loro finanze e si è assicurato che gli assistenti personali fossero disponibili per soddisfare le esigenze mediche di base. Con il passare del tempo, il personale ha dovuto provvedere alle riparazioni della casa e si è assicurato che il vialetto fosse libero per consentire ai fornitori di servizi di accedere facilmente alla residenza.

Nel corso degli anni, le esigenze di entrambi i signori si sono complicate con l'invecchiamento e il deterioramento della loro salute. Per anni, il personale ha fatto tutto il possibile per aiutare entrambi gli individui a rimanere nella loro comunità. Purtroppo, nonostante gli sforzi del personale, il figlio non era più in grado di badare a se stesso e la sua assistenza non poteva essere gestita in casa. Il personale ha lavorato instancabilmente per assicurare al figlio una sistemazione in un centro di cura specializzato, dove alla fine è stato trasferito. Il padre è rimasto in casa e, al momento dell'inserimento del figlio, era praticamente costretto a letto. Anche in questo caso, il personale ha fatto del suo meglio per mantenere il padre nella sua casa fino a quando è stato possibile gestirlo in sicurezza. Alla fine è stato necessario prendere in considerazione l'inserimento in una casa di cura anche per il padre. Il personale ha cercato ripetutamente di convincere il padre che aveva bisogno di assistenza in una casa di cura, ma lui era irremovibile: non avrebbe acconsentito volontariamente al ricovero. Il personale è giunto alla conclusione che è necessario presentare un'istanza di tutela. L'udienza si è tenuta a casa del padre. Per ordine del tribunale, è stato stabilito che il padre ha bisogno di un tutore e io sono stata nominata tutore con il controllo dei suoi beni. Mi è stata anche concessa l'autorità di prendere decisioni sul collocamento.

Ciò che mi ha portato a raccomandare il riconoscimento della nostra Unità di protezione degli adulti sono stati i commenti fatti dal giudice nell'ordinanza scritta che concede la tutela. Il giudice ha rilasciato la seguente dichiarazione;

"In conclusione, la Corte desidera commentare la compassione degli operatori del Dipartimento dei Servizi Sociali. È evidente che tengono molto a [il cliente] e al suo benessere. Sebbene non potesse vedere né la signora Timme né la signora Bohringer avvicinarsi a lui, una volta che furono vicine, parlando a voce alta nel suo orecchio buono, il suo volto si illuminò. Tutti loro sono ovviamente estremamente impegnati e sinceramente dispiaciuti per il fatto che non ci sono risorse disponibili per permettere al [cliente] di rimanere nella sua casa. La Corte è stata toccata dalla dedizione disinteressata di David Hunt, JoAnn Timme e Andrea Bohringer. Questi operatori hanno persino organizzato il collocamento del cane [del cliente]".

Il cliente è stato infine collocato in una struttura di assistenza specializzata e il personale è riuscito a farlo sistemare nella stessa struttura con suo figlio. Il fatto che il tribunale abbia preso atto della qualità del lavoro svolto dal personale la dice lunga sull'impegno instancabile che esso profonde ogni giorno. Lavorare a questo caso è stato un vero e proprio progetto di gruppo, per cui vorrei dare un riconoscimento a tutto il personale della nostra Unità di protezione degli adulti: gli operatori JoAnn Timme, Andrea Bohringer, Paul Koopmann, Tara Vogt e Herminio Colon-Guasp; l'assistente Judith Kirby e David Hunt, coordinatore della valutazione centrale e supervisore dell'unità. 

Riconoscimento per l'APS di Schoharie
Il personale dell'APS della contea di Schoharie riconosciuto per l'eccellenza
Prima fila (da sinistra a destra): Herminio Colon-Guasp, Andrea Bohringer, Tara Vogt, Alan Lawitz (OCFS)
Fila posteriore (da sinistra a destra): Chris Coons (OCFS), Judith Kirby, Paul Koopmann, David Hunt, JoAnn Timme, Commissario Paul Brady