Articoli di cronaca sull'assistenza all'infanzia

Salta al contenuto

Navigazione e informazioni accessibili

Utilizza i seguenti link per navigare rapidamente all'interno della pagina. Il numero per ciascuno è il tasto di scelta rapida.

Tradurre

Sei su questa pagina: Articoli di notizie sull'assistenza all'infanzia

Guida per i programmi di assistenza all'infanzia sull'Ebola

I programmi di assistenza all'infanzia NON devono monitorare i bambini o il personale per l'Ebola.

  • Se un bambino o un membro del personale è malato e non ha viaggiato in Africa occidentale (Guinea, Liberia e Sierra Leone), è estremamente improbabile che abbia l'Ebola. Le persone che hanno viaggiato in altre zone dell'Africa o che sono state in contatto con persone non malate provenienti da questi tre Paesi non sono a rischio. Le persone che lasciano i tre Paesi colpiti vengono sottoposte a controlli per verificare la presenza di sintomi e la storia di esposizione all'aeroporto di partenza e anche all'ingresso negli aeroporti degli Stati Uniti.

Le probabilità di contrarre l'Ebola sono estremamente basse, a meno che:

  1. Una persona ha viaggiato in un'area colpita da un focolaio (Guinea, Liberia o Sierra Leone); E
  2. Ha avuto un contatto diretto con i fluidi corporei di una persona infetta da Ebola.

Bambini/personale recentemente rientrato dalla Guinea, dalla Liberia o dalla Sierra Leone:
Le persone sane recentemente rientrate dall'Africa occidentale possono frequentare i servizi di assistenza all'infanzia o lavorare monitorando la loro salute per un periodo di 21 giorni con i funzionari della sanità pubblica locale.

  • Se un bambino, un operatore o un membro del personale che ha viaggiato in Africa occidentale sviluppa una febbre durante i 21 giorni di assenza dal programma, deve chiamare il 9-1-1, avvisare i funzionari della sanità pubblica locale e NON tornare al programma di assistenza all'infanzia. I fornitori a domicilio devono astenersi dal prendersi cura dei bambini.
  • Se, entro 21 giorni dal rientro dall'Africa occidentale, un operatore o un membro del personale sviluppa febbre o altri sintomi mentre è al lavoro, deve essere isolato in una stanza separata fino all'arrivo dell'assistenza medica. Il direttore del programma deve contattare il 911, segnalare la malattia e il viaggio recente. La malattia deve essere segnalata anche al dipartimento sanitario locale. Utilizzate questo link per le informazioni di contatto del dipartimento sanitario locale.
  • Se, entro 21 giorni dal rientro dall'Africa occidentale, un bambino sviluppa febbre o altri sintomi mentre si trova al programma, deve essere isolato in una stanza separata con supervisione fino all'arrivo dell'assistenza medica. Il direttore del programma deve contattare il 911, segnalare la malattia e il recente viaggio. Anche il genitore o il tutore del bambino deve essere contattato immediatamente. La malattia deve essere segnalata anche al dipartimento sanitario locale (vedi link sopra per le informazioni di contatto).
  • Se una stanza del programma è contaminata da fluidi corporei di un membro del personale o di un bambino che ha viaggiato in Africa occidentale e che si ammala durante il periodo di 21 giorni, la stanza deve essere chiusa. Il dipartimento sanitario locale valuterà la situazione e fornirà ulteriori indicazioni sulla pulizia e la riapertura del locale.

I bambini e le famiglie con legami con l'Africa occidentale NON sono una minaccia. L'ebola è causato da un virus, non da una persona, ed è difficile da trasmettere. I gestori di servizi per l'infanzia sono invitati a utilizzare questa scheda informativa per rispondere alle domande del personale e dei genitori sull'Ebola.

Che cos'è l'Ebola?
L'ebola è una grave malattia causata da un virus. Si riferisce a un gruppo di virus che colpiscono più sistemi di organi del corpo. Il virus prende il nome dal fiume Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (ex Zaire), dove si è verificata una delle prime epidemie nel 1976.

Come si contrae il virus Ebola?

  • L'ebola si diffonde solo quando le persone sono malate.
  • L'ebola può essere diffusa ad altri solo dopo l'inizio dei sintomi.
  • NON si diffonde attraverso l'aria, l'acqua o qualsiasi alimento coltivato o approvato per il consumo negli Stati Uniti.
  • Si diffonde attraverso: il contatto diretto con i fluidi corporei (sangue, vomito, urina, feci, sudore) di una persona malata o deceduta a causa dell'Ebola; il contatto con oggetti contaminati dal virus (aghi, attrezzature mediche); il contatto con animali infetti (attraverso il contatto con sangue o fluidi o carne di animali selvatici infetti provenienti dall'Africa).

Quali sono i sintomi?
I sintomi dell'ebola possono comparire da due a 21 giorni dopo l'esposizione. Essi comprendono:

  • Febbre improvvisa
  • Mal di testa
  • Diarrea
  • Vomito
  • Dolore allo stomaco
    - Emorragie o lividi inspiegabili
    - Dolori articolari e muscolari

Ricordate: Chiunque presenti questi sintomi, compresi coloro che hanno viaggiato in Africa occidentale, ha molte più probabilità di avere un'altra malattia, come l'influenza.

Posso contrarre l'Ebola da una persona infetta ma che non presenta sintomi?
No. I soggetti che non presentano sintomi non sono contagiosi. Affinché il virus possa essere trasmesso, un individuo deve avere un contatto diretto con una persona che presenta i sintomi.

L'Ebola può essere trasmesso attraverso l'aria?
No. L'ebola non è una malattia respiratoria come l'influenza, quindi non si trasmette attraverso l'aria, l'acqua o gli alimenti approvati per il consumo negli Stati Uniti. Non si può contrarre l'Ebola semplicemente stando vicino a qualcuno che ne è affetto.

Chi è a rischio di Ebola?
Gli operatori sanitari, i familiari e gli amici a stretto contatto con i pazienti affetti da Ebola sono i soggetti più a rischio di contrarre l'Ebola.

Cosa posso fare per salvaguardare la mia famiglia, i miei amici e il programma di assistenza all'infanzia?

  • Fate il vaccino antinfluenzale - I primi sintomi dell'influenza e dell'ebola sono molto simili. Come protocollo standard, i medici chiederanno se un paziente con questi sintomi ha fatto il vaccino antinfluenzale per escludere l'influenza. I bambini sono più a rischio di influenza stagionale che di Ebola.
  • Mantenere una buona igiene - Le procedure standard di controllo delle infezioni prevengono la diffusione dell'Ebola. Il virus Ebola viene ucciso da sapone, detergenti, Purell® o altri disinfettanti per le mani, disinfezione con cloro, calore, luce solare diretta.
  • Utilizzare buone pratiche di controllo delle infezioni, tra cui il lavaggio frequente delle mani, la pulizia adeguata delle attrezzature, dei giocattoli e delle superfici come i piani di lavoro, le maniglie delle porte, i lavandini e i servizi igienici.
  • Utilizzare i protocolli standard quando si tratta di bambini malati.
     

Per ulteriori domande sull'Ebola, contattare la New York State Ebola Hotline all'indirizzo
1-800-861-2280.